giovedì 1 giugno 2017

WEEK END A SARZANA: COSA, DOVE, PERCHE'

Pasticceria Gemmi
La Liguria è per Milano una sorta di colonia e dalla città delle fatture i conquistadores attraversano autostrade e caselli per rilassarsi in quella che è la più piccola e affascinante regione del nostro bel paese. Non sempre i liguri ci amano, al contrario spesso vorrebbero cacciarci come le streghe perché (in effetti) invadiamo spiagge, parcheggi, ristoranti, case e traghetti ma sono ormai più di 70 anni che il milanese corre a “Svernare” in posti che son diventati hinterland milanese.
Prima tra tutti Portofino, poi Santa Margherita, Varazze, Celle Ligure, Chiavari, Lerici e anche Sarzana.

Quest’ultima è ormai una seconda casa Bises da quando i miei genitori si sono innamorati di questo posto in prossimità della Toscana, custodita dalle Cinque Terre e dalle Alpi Apuane, al di qua del passo della Cisa e al di là di una serie di luoghi meravigliosi.
Scappare da una congestionata circonvallazione il venerdì sera per dormire sonoramente in Liguria è un’esperienza indimenticabile e anche due piccoli ma pieni giorni a Sarzana sono un toccasana per recuperare energie e lasciar andare la testa lontano da problemi e ansie lavorative.

Da quando la frequento ho potuto visitare intorno bellezze che non conoscevo, come Pietrasanta, Lerici, Fosdinovo, Carrara, Lucca, Porto Venere, le cave di marmo e anche La Spezia che ho rivalutato nel tempo.
Sarzana è una cittadina con una storia millenaria alle spalle, qui sono nati Papi (no Enrico), sono passati principi e imperatori, hanno costruito le loro eleganti dimore nobili e feudatari che hanno commissionato poi opere d’arte e chiese. L’arte e l’antiquariato infatti sono nel Dna e tra i vicoli si possono scorgere negozietti e restauratori alle prese con mobili dallo stile impero a quello art nouveau, inoltre quasi ogni mese si tiene “La soffitta in strada”, un vero e proprio mercatino dell’antiquariato a cielo aperto dove è possibile trovare di tutto.
Quindi ecco qualche indirizzo che potranno farvi vivere al meglio un delizioso week end in qualsiasi stagione, perché sì, l’aspetto più bello di Sarzana è che è accogliente in qualsiasi momento dell’anno.

Vale la pena visitare Sarzana anche solo per Instagram.

DOVE ALLOGGIARE: ovviamente lo strumento migliore risulta sempre Airbnb trovando soluzioni su misura e per tutte le tasche, più o meno lontane dalla piazza principale ma nulla è irraggiungibile, d’altronde in 10 minuti di piacevole passeggiata ogni angolo è vicino. C’è un adorabile “B&B in piazzetta” dietro la cattedrale che si affaccia su una piccola piazza, da innamorarsi.

DOVE FAR COLAZIONE: non si può andare a Sarzana e non fare colazione da Gemmi, l’istituzione locale per la pasticceria e la caffetteria. Una sala da tè antica con il bancone in legno e grandi specchi, soffitti affrescati e barattoli di bon – bon a tutta parete. Qui si rimane sbalorditi non solo per la bellezza della location ma anche per il conto, a Milano sarebbe impossibile pagare così poco una colazione così buona in un posto simile. Se avete a disposizione due colazioni o fate un richiamino caffè + pasticcino prima del pranzo allora consiglio anche Giubea, i dolci sono sbalorditivi e il personale così gentile che non lasciare la mancia è reato.

DOVE FAR SHOPPING: Sarzana è anche una cittadina molto piacevole e si trovano negozi un po’ per tutto, sia abbigliamento che arredo e calzature, (per non parlare delle boutique con i prodotti tipici liguri). I miei preferiti sono Galax e L’altro Store dove ci sono collezioni uomo-donna molto particolari e con una grande attenzione al dettaglio, in particolare gli accessori sono da capogiro, zaini e borse da tutti i giorni in pelle e cuoio intramontabili. Le vetrine di Galax sono una vera chicca, sempre molto eleganti e con dettagli di arredo d’antiquariato ben assemblati.


La cattedrale 

MUSEI:
passeggiare per la cittadina con i suoi palazzi storici e guardare gli stemmi araldici sopra i portoni e gli atri aperti (soprattutto quando c’è l’edizione Atri fioriti intorno all’ultimo week end di Aprile) è già un po’ attraversare la storia di questo luogo che ha visto varie dominanze e varie fasi di potere, molto interessanti però sono le visite alle due fortezze, i castelli medievali di Firmafede e Sarzanello, esempi di architetture di difesa della zona perfettamente mantenuti.

DOVE FARE L’APERITIVO DELLE 12: se avete già pasteggiato a dolci e non volete rovinarvi il pranzo ma fare un piccolo aperitivo alla ligure allora consiglio il Costituzionale, un bar molto carino sulla piazza principale dove poter prendere un prosecco o uno spritz osservando lo struscio delle persone, noterete così che Sarzana non ha nulla da invidiare a Milano per la concentrazione di sciure ben pettinate, uomini in giacca e ragazze à la mode.

DOVE PRANZARE: non si può andar via da Sarzana senza aver provato le prelibatezze gastronomiche dell’Osteria Boccanegra in particolare le sue focacce sono qualcosa di sublime, mangiate seduti al sole con un tagliere di salumi e un bicchiere di vino della lunigiana, poi sfido chiunque a non sentirne la mancanza quando il lunedì in ufficio vi troverete di fronte la schiscetta con l’insalata. 

IN INVERNO IL TE’, IN ESTATE IL GELATO: qualsiasi sia la stagione Sarzana offre di tutto un po’ e difficile sentirsi rinchiusi causa freddo e pioggia, quindi che sia febbraio o luglio una capatina è sempre un momento piacevole. Per la merenda delle cinque durante il freddo inverno non c’è luogo migliore del Melissa’s tea room una piccola sala da tè in stile Ottocento con ritratti d’epoca, divanetti in velluto e servizio di teiere d’argento molto british. Un capolavoro. Se invece capitate con il caldo, magari dopo una gita al mare allora il gelato artigianale in piazzetta da Fior di cono sarà quello di cui avevate un forte bisogno.

E LA SERA?: una cena romantica per fare bella figura e per mangiare qualcosa di fresco e delizioso, allora sicuro al ristorante La compagnia dei balenieri che ha anche un giardino interno molto bello e piacevole, fatevi consigliare dal personale perché ci sono dei piatti tipici che magari inizialmente potrebbero non ispirarvi ma poi ringrazierete la curiosità. In giro ci sono molti ristorantini e pub dove bere una cosa facendo due chiacchiere, sono tutti buoni e ce n’è per tutte le tasche, fatevi guidare dall’istinto.

Sarzana è un luogo di pace e tranquillità ma affatto noioso perché ogni settimana e ogni mese c’è qualche iniziativa locale che la rende allegra e ben frequentata, quello che vi renderà triste e malinconici sarà il casello per tornare a casa, provare per credere.





Nessun commento:

Posta un commento

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!